Perché questo nome

Il Gruppo Samuele prende il nome dal desiderio di una mamma e di un papà di rendere testimonianza dell’amore donato e dell’amore ricevuto da un figlio speciale.

figlio speciale

Come tanti genitori, l’amore donato e ricevuto da un figlio disabile, ma più in generale quello che scaturisce da un bambino disabile nella relazione con gli altri, è un amore speciale, uno di quelli incondizionati e grandissimi.

Nel voler rendere testimonianza di questo amore i genitori di Samuele così scrivono per mano sua:


“Ciao sono Samuele e sono un bimbo molto speciale.

La prima volta che mia madre ha visto il mio piccolo volto ho visto in lei un’amore grande, un’amore infinito.

Sia la mia mamma che il mio papà avevano tanti progetti su di me ma la vita li ha messi a dura prova; io sono un bimbo con sindrome genetica rara, ho 10 anni e non parlo, ho molte difficoltà ma grazie alla mia famiglia sono migliorato tanto;

io sono un bimbo felice ma soprattutto sono amato da tante persone.

figlio felice

Ho una grande famiglia ma soprattutto ho una grande mamma; il suo amore per me è incondizionato, non pensa mai alle rinunce che fa per me perché per lei la cosa più importante sono io.

Io per lei non sono mai stato un peso ma la sua battaglia più grande da vincere;

io porto un grande nome, Samuele è il nome di Dio.

Grazie alla mia mamma e ad altre persone meravigliose che ho conosciuto è stato creato un gruppo che porta il mio nome per far sì che altri bimbi come me possono essere amati come lo sono io, ma soprattutto avere la possibilità di dire:

‘io ci sono, io esisto, io voglio vivere e dare alle nostre mamme la possibilità di avere un’ora d’aria’

“Un ascolto offerto per la vita”

Pubblicazione articoli
Ottobre: 2020
L M M G V S D
« Mar    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031